Che il carcere sia violenza e i Cie siano dei lager lo sanno tutt@

Quando dico che il carcere è violenza, che di carcere si muore le persone spesso non mi credono oppure fanno spallucce e vanno via. Il problema infondo non sembra toccargli/le, loro sono “brave persone”, in carcere non ci andranno. La loro indignazione esce fuori solo quando viene pubblicato qualche video shock o qualche intervista di un “pentito” poliziotto, perché la parola di un@ detenut@ nessun@ la considera.

E quindi indignatevi anche per quest’ultima intervista, pubblicata su Osservatorio sulla repressione, che ci mostra il volto di un’istituzione fascista che tante volte invocate, indignatevi per qualche giorno, e poi ritornate a fare spallucce, perché infondo “è un’anomalia” anche se vi dicono che è la norma. Come accadrà per il video shock di Lampedusa che sta meravigliando tutt@, dai ministri ai vescovi, perché nessun@ sapeva, nessun@ poteva immaginare, perché il problema è nell’organizzazione e non nell’esistenza stessa dei Cie o delle frontiere.

Sono anni che li definiamo lager, eppure nessun@ sapeva. Sono anni che veniamo caricat@ quando scriviamo sui muri o abbiamo in mano striscioni in cui si dice che nei Cie la polizia stupra, eppure nessun@ sapeva. Sono anni che denunciamo le violenze che avvengono nei Cie, Joy, Priscilla, Florence sono i primi nomi che mi vengono in mente, eppure nessun@ sapeva. Sono anni che fanno finta di non sentire perché, non solo sanno, ma ne sono responsabili.

So che questa indignazione durerà il tempo delle feste, e poi faremo finta che tutto è cambiato perché l’hanno detto alla tv. Ma per chi si è rotto di non vedere, forse è il momento, lo è sempre, di contrastare questo schifo e di mettere in discussione un sistema palesemente fascista.

Vi lascio all’intervista su citata, sperando che non vi faccia indignare ma incazzare.

«Io secondino ho assistito a torture in carcere»

Tre giorni senza mangiare, botte dalla mattina alla sera, detenuti legati al letto. Eccezionale testimonianza di una guardia carceraria di Asti che non vuole essere più complice di criminali in divisa.

«Il carcere è un mondo a sé. E non ci sono testimonianze. C’è la testimonianza mia, c’è la testimonianza di alcuni detenuti, qualche filmato dell’interno di un carcere che si è riusciti a mostrare. La violenza e l’omertà sono la regola dentro una prigione». Andrea Fruncillo è un’ex guardia carceraria della prigione di Asti. «Non ce la facevo più a convivere con tutto questo stando zitto. Quello delle carceri è un mondo di merda. È ora di iniziare a spalarla».

Ecco un esempio del livello di conversazioni che avvengono all’interno di quel carcere. Cinque poliziotti sono stati messi sotto inchiesta per aver abusato di due detenuti. Questa è una delle intercettazioni che li hanno incastrati: «Poi vengono solo quando sono in quattro o cinque. Così è facile picchiare le persone». «È bello». «Ma che uomo sei. Devi avere pure le palle. Lo devi picchiare. Lo becchi da solo e lo picchi. Io, la maggior parte che ho picchiato, li ho picchiati da solo. Ma perché comunque qua non c’hai grattacapi. Non c’è niente. Perché con questa gente di merda. Hai capito?».

Fruncillo ha lavorato ad Asti tredici anni. È stato l’unico a testimoniare delle torture che avvenivano nella cella di isolamento: «Quando arriva qualcuno che ha aggredito un agente, anche fuori dal carcere, non importa. Questa persona arriva già con una lettera di raccomandazioni. Questo ha sbagliato. Fino a che c’ha il processo lasciatelo stare. Poi, finite le udienze dategli una sistemata. Lo sistemavano. Lo portavano lì e prendeva botte dalla mattina alla sera. Ma quello è il minimo. Perché poi non li facevamo mangiare. Lo lasciavi pure due tre giorni senza mangiare. Gli mettevamo il piatto lì davanti alla cella. Lui non ci arrivava. E non lo facevamo mangiare. Ho assistito a tanti pestaggi. Quante volte è capitato che stavo in servizio e mi dicevano: “Andrea mi prepari una cella che stiamo portando uno”. All’entrata dell’isolamento non funzionano le telecamere. Un’anticamera davanti a una delle celle. Quando arrivavano lì venivano denudati e picchiati. Era un vanto. “Io ho fatto quella cosa lì. Io ho fatto quella cosa là”. Era un vanto. E lo è tuttora penso. Un detenuto non può fare nulla. Perché tanto non viene mai ascoltato».

Perché tanta violenza? «Quando arrivi all’esasperazioni picchi. Quando c’hai i problemi a casa. Più i problemi che ti creano in carcere. Più quello che ti rompe le scatole. Da qualche parte ti devi sfogare», spiega l’ex secondino.

Per essere ancora più chiaro, Fruncillo racconta un episodio di cui è stato testimone: «È entrato questo ragazzo. Viene messo in isolamento. Non c’era modo di avvicinarsi e di aprirgli la cella. Come aprivi la cella picchiava tutti. Perché lui si dichiarava innocente. Al che per debilitarlo era stato deciso di farlo mangiare di meno, di non dargli le razioni, in modo che gli fossero venute a mancare le energie. Il ragionamento era: “Se dobbiamo spostarlo, se arriva l’avvocato non gli possiamo dire: No, non te lo faccio uscire dalla cella”. È stato fatto così, finché non si è debilitato un po’. Una sera è stata fatta un’ordinanza per mandarlo all’ospedale psichiatrico a Reggio Emilia. A Reggio Emilia quando arrivano tipi come lui, che sono animali ti legano al letto. È tornato da noi debilitato. È stato portato in cella in carrozzella. Magro, secco come un chiodo. Non ce la faceva neanche a mangiare. Quando arrivavano il pranzo e la cena mandavamo un altro detenuto per farlo imboccare. Fino a che non lo hanno scarcerato e dopo due giorni è morto. Un giorno parlando del più e del meno con un collega si è detto: “Ve lo ricordate quel ragazzo? Ma lo sai che alla fine era innocente veramente. Lo hanno assolto”. Lo hanno trattato così perché diceva che era innocente. Non gli ha creduto nessuno. Alla fine è morto. La mamma ce lo disse. La mamma».

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Antiautoritarismo, Antifascismo, Antirazzismo, Lingua/Linguaggio, No al Carcere, Omicidi Sociali, Pensieri Sparsi, R-Esistenze. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Che il carcere sia violenza e i Cie siano dei lager lo sanno tutt@

  1. frantic ha detto:

    le “anime belle” sono quanto di peggio possa esistere. dàje forte sister.

  2. IDA ha detto:

    Ho scritto due bischerate sui Cie, sul mio blog.. si ho aperto un blog, anche se ufficialmente apre lunedì 13 gennaio 2014. Ma intanto è in cantiere.. mi rendo conto che a fare cronaca non sono capace, forse l’ironia mi viene meglio.. vedrò come gestirmi… intanto mi farebbe piacere avere una tua visita.. un abbraccio! L’indirizzo è questo: http://idamemoria.blogspot.it/

    • vaviriot ha detto:

      letto.. la storia è sempre quella, loro si indignano per i metodi di un determinato Cie nel momento in cui sono diventati pubblici, ma non stanno mettendo in discussione l’esistenza nè dei Cie nè del reato di clandestinità… a loro interessava pulirsi la faccia quando sono i primi responsabili di ciò che accadeva a Lampedusa e accade negli altri lager. un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...