Brevi riflessioni su Alessitimia di Sara Giglio

Fiato sospeso. E’ questa la sensazione che ho provato dopo l’ascolto del lavoro di Sara Giglio, Alessitimia, che ho conosciuto grazie a questo blog in cui trovate maggiori informazioni sul lavoro dell’artista e della mostra in cui è inserito.

Premetto che non sono un’esperta di arte, so solo che mi piace osservare/ascoltare/toccare e godere delle sensazioni che ciò mi provoca. Tutto qui.

L’audio di Alessitimia è molto coinvolgente forse perchè una parte di me ci si ritrova, ci si rivede in questo delirio psicotico in cui l’autrice cerca di piacere in modo disperato senza mai fermarsi a pensare se ciò che sta rincorrendo, quell’immagine che pensa piacerà agli/alle altr@, piaccia a lei.

Penso che almeno una volta nella vita tutt@ abbiamo vissuto qualcosa del genere, siamo stat@ pres@ da un desiderio così forte di piacere/compiacere gli/le altr@ al punto di fare cose che infondo non avremmo fatto.

Mi vengono in mente tante cose, tanti piccoli atti che non appartenevano alla mia persona ma che ho interpretato/compiuto per piacere agli/alle altr@, piccole/grandi violenze che ti imponi per sentirti amata anche se poi non ti ci senti per nulla: fingere di esser stupida, fingere un orgasmo per farlo tranquillizzare, indossare vestiti che non ti fanno sentire a tuo agio, truccarsi quando non ne hai voglia, sorridere perchè se no sei musona, non essere aggressiva ed etc…

Nell’audio c’è una parte che riprende tutti i maggiori stereotipi che pesano sulle donne:

“Bella! (affermazione) ordinata, pulita, profumata, depilata, educata, sorridente, comprensiva, puttana (punta di disprezzo), santa, madre, sorella, discreta, perfetta, maledetta, sana, curabile, attenta, assente, presente, silenziosa, accogliente, seducente, giovane, con un bel culo e belle tette…paroxetina alprazolam…

Paroxetina-AlprazolamParoxetina-AlprazolamParoxetina-Alprazolam

Ti piaccio?

Come potrei non condividerla? “Ti piaccio” è la frase che è alla base di quei “discorsi sul corpo” (parte I, II, III) che ho intrapreso da più di un anno e che non sono per nulla conclusi e su cui spero di ritornare presto. Intanto vi auguro buon ascolto e vi invito a dirmi la vostra!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Antiautoritarismo, Antipsichiatria, Antisessismo, Autodeterminazione, Discorso sul Corpo, La Famiglia è un Reato, Omicidi Sociali, Pensieri Sparsi, R-Esistenze. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...