Fabrizio: intervista sull’educazione affettiva maschile

La quarta intervista è quella di Fabrizio. Buona lettura!

1- Il primo rapporto che costruiamo è quello con i nostri genitori. Che tipo di rapporto avevi/hai con loro? O meglio, come veniva/viene gestita ed espressa l’affettuosità nella tua famiglia?

Rapporto equilibrato ed amoroso, severi quando serve e coccoloni nel resto. Affettuosità più di gesti che di parole

2- Credi che vi sia una differenza di educazione, rispetto alla sfera affettiva, tra donne e uomini? E se sì, di che tipo?

Si che c’e’ e credo si basi sul principio evolutivo delle necessità di spargere il proprio seme, e ricevere il seme altrui. Da un lato interessa la quantità, dall’altro la qualità:)

3- Nei rapporti di amicizia pensi che il modo in cui si manifesta l’affetto verso l’altr@ cambi a seconda del sesso dell’amic@? Perché se due amici maschi si tengono per mano vengono insultati mentre se lo fanno due amiche è tollerato? Tra amici uomini si usano espressioni come “ti voglio bene”?

Perchè siamo animali. Leggermente evoluti, ma pur sempre scimmie.

Nello stesso principio darwiniano, il maschio del branco manifesta la superiorità del proprio seme -e garantisce la crescita dei suoi pargoli- allontanando gli altri maschi. le femmine del branco invece hanno imparato a collaborare tra loro per l’alimentazione difesa e crescita dei pargoli.

Pochi uomini trovano intollerabile un bacio tra due donne, perfino quando una delle due ha atteggiamenti lontani dai canoni femminei

4- Sei mai stato discriminato per degli atteggiamenti affettivi considerati “poco virili”? Oppure hai assistito a discriminazioni di questo tipo? E se sì, qual è stata la tua reazione?

Io direttamente no, si ho assistito a discriminazioni ma molto light, e di base si è cercato di far capire che anche il cervello ogni tanto ha bisogno di aggiornamenti.

5- Ci sono degli argomenti aut in un’amicizia maschile? Oppure ci si racconta tranquillamente qualunque cosa si desideri?

Siculo sugnu.

6- Nei tuoi rapporti di coppia come tendi ad esprimere il tuo amore? Senti di farlo nel modo in cui vorresti o percepisci dei limiti?

Nei rapporti di coppia il mio sentimento va pari passo al mio bisogno di contatto fisico, quindi è di facile misurazione. Se mi ti appiccico pure a 50 gradi all’ombra, è tutto ok:)

I limiti che mi si impongono, siano sociali o etici o culturali o vaticanici, mi piacciono. Quel senso di peccato e di trasgressione mentre ci appartiamo nel bagno del ristorante mi piace anzichenò.

7- Amore, gelosia e possesso: come ti poni di fronte a ciascuno di essi? E che connessioni pensi intercorrano tra essi?

Eta’ e saggezza, autoconsapevolezza, conoscenza dell’anima dell’altra persona, interconnessione di anime… quando oltre all’ammore c’e’ complicità e contatto mentale, epidermico, gioco di cervelli esplorazione sessuale e danza di fantasie, non esiste la gelosia o il possesso, non c’e’ proprio spazio!:)

8- Il sesso è uno degli argomenti più abusati eppure più censurati nelle conversazioni tra amic@ e collegh@. Dalle tue esperienze cosa pensi si possa e cosa si debba evitare di dire su questo argomento? Vi sono dei limiti che non dovrebbero essere superati per non essere discriminat@ in quanto “uomini”?

Non e’ tanto discriminante, ma autodiscriminante. l’uomo si autocensura, e di base gli uomini non parlano di sesso. scansionare i culi e le tette delle donne non e’ parlare di sesso.

9- Hai o hai intenzione di avere dei/lle figl@? Che tipo di educazione affettiva pensi di trasmettergli?

Non ne ho, e se ne avessi penso che sarei più per aiutare a capire che ad insegnare:)

10- L’ultima domanda la dedichiamo al futuro. Cosa cambieresti dell’educazione tradizionale, rispetto al lato affettivo, se ne avessi la possibilità?

Chi insegna deve farlo perchè ha ricevuto la chiamata di (dio buddha allah maometto kali visnu toro seduto gandhi), non perchè ha trovato un lavoro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Educazione, Interviste. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fabrizio: intervista sull’educazione affettiva maschile

  1. IDA ha detto:

    Ahh che belle queste interviste! A quando la versione femminile??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...