CORPI REAGENTI: due giorni di sperimentazione sulla performatività dei corpi

Con piacere vi segnalo questa due giorni torinese, organizzata dalle meravigliose compagne del Laboratorio Sguardi Sui Generis, sul corpo e il genere, a cui mi avrebbe fatto piacere partecipare (in realtà a tutto il progetto “What’s Body?”) ma che le distanze e soprattutto la mancanza di soldi e tempo mi ha recluso. Se non vivessimo in una società capitalista questo non succederebbe. Invito chi può a parteciparvi e spero che si riescano a fare progetti del genere un pò in tutta Italia dato che urge un discorso sul corpo in tutto il paese, ma permettetemi di dire soprattutto al sud. Intanto, eccovi il programma di tale evento:

CORPI REAGENTI: due giorni di sperimentazione sulla performatività dei corpi

corpireagenti

A conclusione del progetto ‘What’s Body?’ che abbiamo portato avanti nel corso dell’anno con diversi incontri, vogliamo approfondire il discorso sul corpo proponendo due giornate dedicate alla sperimentazione e alla performatività.

L’evento sarà articolato in due giornate:

– SABATO 15 GIUGNO @ csoa ASKATASUNA (corso Regina, 47)
alle ore 15: laboratorio MY SLUTWALK a cura del collettivo femminista Le Ribellule Collettivo Femminista (leribellule.noblogs.org)
…a seguire aperitivo danzante in compagnia de Le Elettrosciocchine!

– DOMENICA 16 GIUGNO @ circolo Maurice (via Stampatori, 10)
alle ore 15: MASCHILITA’ DI CHI? laboratorio di Kinging a cura del Lab. Sguardi Sui Generis
…a seguire merenda queer!

VI ASPETTIAMO!

Di seguito una breve presentazione e alcune indicazioni utili per i workshop programmati per le due giornate:

– Workshop MY SLUTWALK:
1. Il corpo come oggetto di condizionamenti: l’idea del corpo è personale, ma subisce forti condizionamenti esterni, essi avvengono tramite giudizi e modelli.
Come resiste ognuna di noi a queste pressioni? Perchè non condividere queste resistenze quotidiane?
2. Il corpo da oggetto a soggetto: il corpo, come viene caricato di significati dall’esterno, potrebbe allo stesso modo essere caricato di nostri significati, potrebbe, dunque, diventare veicolo dei nostri messaggi. Potremmo dare un altro significato in senso politico e così, rivendicando uno spazio per tutte quelle favolosità che fuoriescono dai modelli, mettere in crisi il modello stesso.
Quali pratiche conosciamo che si basano sul corpo?

Come potremmo riimmaginarci il corpo da oggetto d’oppressione a soggetto politico che rivendica spazio e la propria vita?

…per la buona riuscita del workshop la richiesta è che chi sceglie di partecipare rimanga dall’inizio alla fine del laboratorio!

Maggiori info sul workshop My Slutwalk qui

– Workshop di KINGING – travestimento maschile:
Ma chi può trasformarsi in maschio? in RE?
TUTTE E TUTTI!

Questo Workshop Drag King è rivolto a tutt*, a chiunque voglia esplorare una maschilità X a partire da sé, donna o uomo che sia.
Il proprio corpo sessuato diverrà terreno di sperimentazione per andare alla ricerca di un genere, quello maschile, nelle sue infinite variazioni.
Corpi e menti educate al femminile potranno seguire l’impulso di interpretare ruoli maschili scoprendo, forse, una propria macha maschilità.
Quelle educate al maschile potranno spogliarsi della propria mascolinità per scoprirne altre di diversa fattura.
Attraverso un percorso che gioca con gli stereotipi e i simboli più comuni ci si avvicina ad una percezione fisica dell’artificiosità dei generi. Ed ecco allora che caratteristiche date come biologicamente scontate iniziano ad assumere nuove dimensioni, significati imprevisti, respiri autonomi.
I corpi giocati nello spazio ci portano a scoprire posture, gestualità, voci e atteggiamenti che nel loro insieme decostruiscono e ricostruiscono immaginari di sé. L’irriverente uso del trucco e dei travestimenti diviene una riappropriazione del nostro potere di generare sguardi, desideri, incanti e illusioni. Così il corpo e la sua malleabilità ci accompagnano in un viaggio di smascheramenti ed erotismi capaci di trasferirci ben oltre le soglie dell’identità.

PORTARE MATERIALI!
– Vestiti maschili, chi più ne ha più ne metta!
– Ciocche dei propri capelli per la costruzione di barba e/o baffi (può valere anche per i bio uomini!)
– Forbici e specchietto
– Una benda elastica alta per la fasciatura del seno (almeno 12 cm) più graffette per chiuderla (alla peggio si possono utilizzare lenzuola che si possano tagliare e scotch da pacchi!)
– Ovatta e preservativi per la costruzione di peni artificiali
– Trucchi: mascara, fondo tinta, fard

ATTENZIONE: consigliamo di venire struccat* per poter partire da una base fisica stereotipicamente neutra!

Sguardi sui Generis

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Antiautoritarismo, Antifascismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Discorso sul Corpo, R-Esistenze. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...