Asilo 45 non si tocca

Riporto questo comunicato dell’Asilo 45 che, il 20 marzo scorso, è stato sgomberato. Ai/alle compagn@ di Boscoreale va tutta la mia solidarietà perchè di posti liberati se ne sente il bisogno sempre e ovunque, ma tale bisogno diventa necessità nei luoghi che vengono volutamente marginalizzati dai potenti di turno. Noi sappiamo cosa c’è dietro la scelta di creare zone alte e zone basse, di strutturare la società in classi, di aumentare le disuguaglianze ed ect… ed è per questo che, credo fermamente, sia nostro dovere opporci, sovvertendo ciò che è stato stabilito, liberando, per esempio, luoghi affinchè diventino fucine di cultura, pensiero critico, creatività, ovvero di tutti quegli strumenti indispensabili per qualunque forma di r-esistenza. Per questo, da sempre, sostengo i luoghi liberati. Vi lascio dunque al comunicato con la preghiera di farlo girare. Buona lettura!

Asilo 45 non si tocca

270443_170959279710810_812893880_n

Oggi 20 marzo 2013, lo spazio occupato Asilo 45 (liberato nove mesi fa) è tornato per qualche ora nelle mani criminali delle istituzioni. Il commissario pro-tempore Capomacchia, utilizzando l’ordinanza di sgombero partorita dall’ ex sindaco fascista Gennaro Langella, con un atto ‘stranamente tempestivo’ ha chiuso la struttura saldandola. Questa grave provocazione è servita solo ad ostacolare, rallentandolo, lo sforzo di attivisti ed abitanti che autonomamente hanno recuperato uno stabile di proprietà pubblica da anni abbandonato e lasciato marcire come discarica abusiva. Lo spazio in questione è situato in un’area suburbana caratterizzata da inquinamento, disoccupazione, emarginazione, assenza totale di servizi alla persona, assenza di trasporti pubblici, negazione del diritto all’abitare, povertà (vedi ultimi dati del CENSIS sul sud), emigrazione.

Questo atto repressivo che bene si lega con la fervida attività che in questa fase colpisce, sull’intero territorio nazionale e non solo, chi rivendica spazi e diritti in tempo di crisi permanente del sistema capitalistico non ha tenuto conto dell’opera di riqualificazione che dalla struttura è partita per espandersi a tutto il quartiere. Chiudere uno spazio liberato, in un territorio degradato come il nostro, significa condannare nuovamente la piazza alla morte stroncando vigliaccamente tutte quelle energie indirizzate a sperimentare collettivamente un agire contro la precarizzazione del quotidiano conseguenza diretta di politiche di austerity, economica e sociale, calate dall’alto.

Un agire fatto di impegno ed autodeterminazione da parte di chi ha attraversato il centro sociale in questi mesi, dove si sono raggiunti risultati notevoli sul piano umano e della progettualità: un doposcuola sociale, una palestra popolare gratuita, una cucina sociale, cinema, presentazione di libri, attività teatrali, assemblee politiche sulle tematiche della crisi economica e ambientale, controinformazione, una radio libera.

La politica degli ‘affari’, nonostante tutto, si ostina a non mollare la presa. Dopo avere disvelato il proprio volto criminogeno durante la lotta antidiscarica che ha visto la popolazione locale ribellarsi alla militarizzazione del territorio per resistere ad un avvelenamento generalizzato, continua nell’azione re/de/pressiva soffocando le pratiche di liberazione che quel Movimento è riuscito a trasferire nell’azione di riappropriazione di una struttura dismessa.

Asilo 45 (occupato, autorganizzato e autogestito) per noi, prima ancora che un luogo fisico da riempire di contenuti, è la critica radicale in atto al circuito astratto della rappresentanza; è la resistenza a tutte le azioni autoritarie; è un presidio antifascista. Non ci lasciamo quindi intimidire dall’ennesimo atto di forza volto a ristabilire asfittici e pretestuosi ambiti ‘legalitari’ con conseguenti ed oziose dispute sul diritto di proprietà. Più di ieri, oggi la proprietà (privata o mista pubblico-privato) è un furto.

Se è vero, come noi crediamo, che ad ogni sgombero si risponde con una nuova occupazione, questa volta ci siamo superati in velocità e lo spazio ce lo siamo già ripreso. No pasaran!

ASSEMBLEA PUBBLICA
VENERDI 22 MARZO ORE 19.00
PIAZZA VARGAS, BOSCOREALE (Napoli)

UNIAMO LE LOTTE PRODUCIAMO CONFLITTO LIBERIAMO SPAZI AUTORGANIZZIAMO LE NOSTRE ESISTENZE
REDDITO DI BASE INCONDIZIONATO PER TUTTE/I RIDUZIONE DELLA GIORNATA LAVORATIVA SOCIALE

csoa Asilo 45

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Antiautoritarismo, Anticapitalismo, Antifascismo, R-Esistenze. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...